Street photography, in chat con Craig Semetko

Craig Semetko è un fotografo reportagista che scatta molto in bianco e nero ed è diventato abbastanza famoso nel giro degli amanti della street photography almeno per questi motivi:

  • Ha cominciato a fotografare abbastanza tardi, prima faceva un altro lavoro.
  • Ha debuttato a Los Angeles in una mostra che affiancava lui a un certo Henri Cartier-Bresson.
  • È diventato un uomo Leica, o come si dice.
  • Si presenta così: "I'm a guy with a camera from Los Angeles".
  • Ha una certa ironia e ogni tanto fotografa cani "alla Elliott Erwitt" (ma chi non ci ha mai provato?).

drawing

Io l’ho conosciuto tardi, ascoltandolo in una puntata del podcast The Candid Frame di Ibarionex Perello. In occasione della presentazione del suo ultimo libro, India Unposed, sabato 30 agosto Semetko ha partecipato a una chat su twitter (#LeicaChat, qui) e ho pensato di raccogliere qui qualche sua risposta. Sintetizzo tutto in maniera un po' inaccurata, ma il ragazzo tanto scatta bene, tanto ignora l'uso delle mentions e dei reply, quindi ritrovare i veri titolari delle domande è stato laborioso.

#LeicaChat with Craig Semetko

drawing

@BobBaron: One body or two in your travel kit? (You even have an “at home kit”?)

Leica m240, 35 and 50 summiluxes.

How much does a camera count?

r. clayton--know the camera well enough to not think about it..then pure seeing takes over. and personal vision.

@rcmwandering: How much of your work is about using the camera and how much is about something else entirely?

To me a qood picture has a sense of design, provides information, and has emotion...

drawing

leibniz: When you're trying to shoot something new, what's your best ally: time (patience, etc..) or distance (India...)?

hi piero-mainly time, but new places provide new stimulation India was unlike anything i'd seen before, and my fascination shows.

@mborkowskiphoto: Hi Craig, What's a bit of advice you'd give an emerging photographer? Also, do you need an assistant 😄?

matt--study the masters, in photography and painting, movies, lit, etc. practice observing. you don't need an assistant to start.

Thanks, Craig! I actually meant do YOU need an assistant (me)? The 140 characters thing doesn't help with inflection...

matt--no worries:) i don't use an assistant, but frankly could use one :)

Looking at Cartier-Bresson’s work never hurt anybody...

@sastraaawijaya: What is the important step to become a street photographer? And where is the place for an amateur to publish his art?

sastra--for me, it started as another way to tell stories. then you need to spend a great deal of time roaming the street.

@lalengzuala: How did you study system of design (Root rectangles, etc) Any recommended materials?

lalengzuala--no, i did not study the root system--took art classes as a kid and always liked geometry...but not math :)

@ArizRizvi: How do you engage with your human subjects when you shoot close without making them conscious?

ariz-every situation is different. work fast. act like you're looking elsewhere and don't know how to use the camera :)

drawing

@mactonius: "act like you're looking elsewhere" and if you get caught, say "you remind me my dead grandfather" (or what else)

leibniz: Have you any suggestion for the ones of us who #believeinfilm and shoot the #analog way?

piero--film is wonderful-if you are passionate about it use it. do what you are passionate about. the rest takes care of itself. I've no immediate plans for film, but one never knows...

@pikturdis: What's the best analog camera you suggest?

pikturdis--I still love my leica mp...it fits my hands perfectly and is mechanical perfection.

Why "India Unposed?"

i'd always wanted to see india, for instance, the leica 10x10 came up, my sister had a fulbright there so i had a place to stay...

@Timmvers: How do you choose your projects?

joseph--it seems they choose me--serendipity has always played a big part in my life. india was a perfect example.

@vey952: Is there an image of "India Unposed" that emotionally resonates more than others?

barb, so many of them do...right now I am moved by the boy and elephant from india and the two young men rowing at night.

drawing


All images here ©CraigSemetko

Per pubblicare il tuo libro ti serve un hacker, non un editore

Scrivere un libro e pubblicare un libro non sono la stessa cosa. Non lo sono mai stati e non lo sono ancora. Ma la tecnologia, grazie ai formati digitali e ad alcuni software, ha reso questi due passaggi talmente vicini da renderli quasi sovrapponibili. Ci sono già numerose forme di self-publishing, da quelle di Amazon a quelle di Simplicissimus, tuttavia questo post prende spunto da alcune recenti scelte editoriali che mi han fatto pensare perché in loro racchiudono il seme di un futuro possibile per chi vuole pubblicare il suo libro, sì, ma soprattutto autoprodurlo in maniera soddisfacente. Ovviamente, da qui in poi parliamo di ebook e la battaglia Amazon vs Hachette la mettiamo da parte.

drawing

Pubblica come un hacker

Shawn Blanc è un creativo americano e un blogger molto prolifico. Ha tutta una serie di addiction che lo rendono un vero geek (Apple, caffè, outliners, penne gel made in Japan…) e ha appena pubblicato la seconda versione del suo “libro” Delight is in the details, un’opera che si compone di un ebook, ma anche di interviste in formato mp3 (con relative trascrizioni) e alcuni video per un totale di quasi un gigabyte di materiale. Costo: 39 dollari, o gratis per chi aveva già preso la prima edizione. Non poco? Già.

Questo “libro” non è in vendita su Amazon, o altrove. Si acquista dal suo sito tramite Gumroad. Dopodiché si riceve un link da cui poter scaricare il materiale, anche via Dropbox. Blanc, tra mille dubbi, da vero americano, ha persino incluso una formula “soddisfatti o rimborsati”, come se stesse vendendo i coltelli di Chef Tony.

Perché parlo di Shawn Blanc? A me il suo sembra un esperimento molto ben documentato di pubblicazione di nuova generazione. “The hacker way of publishing”, per dirla con lo slogan caro ai tizi della Silicon Valley.

Provo a spiegare.

Come Madonna quando era ancora Madonna

Se non sei un personaggio pubblico o un qualche “esperto”, la via tradizionale per pubblicare un libro somiglia molto a questa: proponi libro, porta in faccia, proponi libro, porta in faccia, proponi libro, porta in faccia; qualcuno finalmente lo vuole, micro-anticipo, sei mesi per scrittura ed editing, foto dell’autore, il titolo non è quello che vuoi, la copertina scelta è quella che avresti scartato, ultime correzioni, valanghe di errori, pubblicazione rimandata, uscita, distribuzione e supporto a seconda di quanto ci crede l’editore, circo per farsi vedere e vendere qualche copia, principio di odio per gli Intercity, fade to bancarelle. Nell’equazione possono inserirsi qualche agente, qualche zio alto prelato, uno zero in più nell’anticipo, magari una prima classe di Italo su Poltrona Frau, ma siamo lì.

E allora uno dice: quasi quasi meglio il self publishing, mi prendo il mio tempo e controllo tutto io, poi magari finisco anche in top 10 di Amazon e mi traducono in 14 lingue, d’altronde chi non potrà amare le mie storie adolescenziali di vampiri masochisti arrapati? Ok, se la pensate così, procuratevi una copia del pessimo Authors Anonymous e sappiate che da oggi il vostro nome è “John K. Butzin, published author” (cioè, il cazzutissimo cialtrone baffuto in foto che vedete in alto).

Torno a Shawn Blanc. Questo ragazzo, non sicuramente il primo a farlo, ha scelto la via “indie”. È un po’ come quando Madonna, nel 2007 (mi pare), lasciò a loro stesse le case discografiche e firmò i suoi dischi successivi con Live Nation, cioè con chi organizzava i tour che sarebbero sempre stati sold out. Solo che Blanc non è Madonna. Neanche nella nicchia occhialuta dei nerd. Ma aveva qualcosa da dire in un libro, anzi in un prodotto multimediale complesso, e l’ha realizzato.

Blanc ha individuato la sua nicchia, l’ha ingaggiata mesi prime che uscisse la seconda edizione arricchita del suo “libro”, ne ha parlato sul suo blog, nei suoi podcast, nelle sue newsletter. Ha preparato il terreno. Ha coinvolto, intervistandoli, amici e influencer di quel mondo a cavallo tra le app e il design. Ha, insomma, seguito i princìpi del “growth hacking”, teorizzati da Ryan Holiday in Growth Hacker Marketing: semina nel tuo prodotto gli elementi virali del tuo futuro successo.

Ecco, il successo. Quanti milioni di copie ha venduto Delight is in the details? Finora poche migliaia, comunque di più del debutto della prima edizione. E, a livello di cassa, in alcune situazioni, rende più un migliaio di copie autoprodotto che cinque volte tanto passando per editori o altro. Blanc dice di aver raggiunto il suo obiettivo già nelle prime 24 ore (quando il libro era scontato a 29 dollari, cioè 20 euro). Buon per lui.

  • rispetto alla prima edizione, agosto 2013, nel giorno del debutto della seconda, 23 luglio 2014, ha venduto tre volte tanto.
  • Lui puntava a 100 copie nelle prime 24 ore della seconda edizione; invece nelle prime 53 ore ha venduto quanto negli 11 mesi della prima edizione.

Niente si fa davvero da soli

Per realizzare il suo prodotto Blanc si è scritto il libro e ha lavorato sul marketing, ma non ha fatto tutto da solo.

  • Ha pagato un editor, Jeff Abbott di Draft Evolution (che, tra l’altro, fa persino l’editing di singoli post di blog) (IMHO, poteva spendere meglio i suoi soldi)
  • Ha pagato i videomaker dei filmati.
  • Ha pagato un qualcosa a Gumroad.
  • Ha usato un sistema per trasformare gli acquirenti del "libro" in destinatari della sua newsletter, realizzata con MailChimp.
  • Ha persuaso moltissima gente a parlare di lui.
  • Ha chiesto feedback a chiunque.

Se ne è valsa la pena, sta all’autore-editore-distibutore dirlo. Possiamo pensare che quando uno fa tutto, niente venga poi così bene. Possiamo arrivare a dire che per certe idee non servono nemmeno un libro o il self publishing: bastano un blog o addirittura un post. Possiamo imparare dalla meravigliosa storia di Vincent Zandri, raccontata dal New York Times, e del suo più che felice incontro con il piccolo editore chiamato Amazon. Possiamo recuperare le teorie Creative Commons alla base dei libri di Cory Doctorow. Ma esperimenti come quello di Shawn Blanc sono un’altra faccia del futuro dell’auto-pubblicazione. Un futuro che, se c’è una cosa certa, sarà sempre più su misura di autori e aspiranti tali. La vera sfida è riuscire a tagliarlo anche sui lettori, dato che è sulle abitudini di lettura che la tecnologia di oggi sta avendo un impatto devastante. O comunque rivoluzionario.

No, non è ancora il momento di essere pessimisti.

Just a little easier

drawing

Di solito, dopo una giornata a State of the Net (la foto qui su è di Emanuela Ciccone), la conference di Trieste dedicata ai cambiamenti del web e dal web, si torna a casa con tante idee e la voglia di metterle in fila. Stavolta rimando a un altro giorno.

Il motivo è che una conferenza come questa non è solo i suoi contenuti. Né i suoi relatori, o i suoi ospiti. Non solo, almeno. Come tutti gli eventi culturali, è una produzione difficile e complessa, quest'anno forse più che in passato. E un grazie frettoloso alla tenacia di Sergio, Beniamino e Paolo stavolta non basta.

Dal Festival del Giornalismo di Perugia al Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo, le produzioni/organizzazioni culturali continuano ad aver bisogno di trovare chi creda in loro. Soldi, insomma. Almeno un po' per andare in pari e lasciare il valore aggiunto delle idee in tasca ai loro fruitori e al territorio.

«Money is not enough to bring change», ha detto Beniamino aprendo Sotn14. E ha detto anche questo:

we wanted to do something. State of the Net. We do it because we like it. And basically, we do it because we all want a (good and beautiful) thing to be done. Maybe you can remember something if I say “Just do it”. Let’s say “Do-a-thing”. It’s kind of a start.

Ha ragione. Comunque bisogna darsi da fare. Trovare soluzioni. Conquistare chi ha voglia di investire nelle idee. Solo che in Italia è difficile.

drawing

Viene in mente la serie tv West Wing e le due bellissime puntate intitolate "20 hours in America". Sarebbe lunga, ma sintetizzo: lo staff del Presidente degli Stati Uniti si trova, per sbaglio, a viaggiare attraverso il "Paese reale" nel giorno in cui crolla la Borsa. Succedono tante cose, ma, insomma, a fine giornata - scazzatissimi - al bar dell'hotel incontrano Matt, un padre che ha portato la figlia a visitare il college che frequenterà. Mentre la tv parla del tonfo di Wall Street (il video è qui) c'è questo dialogo.

MATT Beautiful campus. I've never seen anything like it. She-she's not going to get to sleep tonight. You see what happened in the market today?

TOBY Yeah, I-I saw. You invested?

MATT Ehh... Mutual fund that's supposed to send her to college. I never imagined at $55,000 a year, I'd have trouble making ends meet. And my wife brings in another 25. [...] I spend half the day thinking about what happens if I slip and fall down on my own front porch, you know? It should be hard. I like that it's hard. Putting your daughter through college, that's-that's a man's job. A man's accomplishment. But it should be a little easier. Just a little easier. 'Cause in that difference is... everything.

È giusto che le cose a cui tieni siano difficili da ottenere. O, comunque, sono qualcosa per la quale sei disposto a lottare. Quindi, ok. Ma dovrebbero essere un po' più semplici. Just a little easier. In quella differenza c'è tutto. E, nel frattempo, la differenza dobbiamo farla noi.

Magari - Beniamino, Paolo e Sergio - quell'impalpabile just a little easier potrebbe essere il tema del prossimo anno. Intanto, grazie davvero.

drawing

Undici cose sulla rivista 11

drawing

È uscita 11, la rivista di storie di calcio e di sport diretta da Giuseppe De Bellis e firmata da tanta gente brava e da qualche nome giusto. Costa 7 euro in edicola, ma ci si può abbonare a 4 numeri per 24 euro.

drawing

  1. Bella. Così ci togliamo subito il pensiero.
  2. Non bella come Howler, se è quell'estetica lì che avete in mente.
  3. Il corpo dei testi è piccolo, o almeno piccolo per una rivista di lettura che si presume essere di piacere.
  4. C'è Federico Buffa, che è il mio personale Black Jesus da 20 anni. Se l'avete scoperto ora (su, e ditelo che leggete Aldo Grasso), recuperate i podcast di Characters, il programma che cura su RSI (il feed è qui).
  5. Cose molto belle:
    • la testata
    • Daniele De Rossi in cover
    • l'impaginazione del pezzo sull'organizzazione delle produzioni tv (meno belle le foto)
    • l'idea di recuperare le foto di Thomas Hoeffgen (2010) sui campetti di calcio africani
    • la pubblicità di Jeep e Fred Perry
  6. Cose meno belle:
    • l'impaginazione delle prime singole, con il capolettera in mezzo alla pagina
    • troppi ritrattoni da una pagina di Zanetti nel pezzo su Zanetti
    • i servizi realizzati con le foto "pubblicitarie" (AdidasDeRossi, gli inguardabili 11 Samsunghiani, i guanti da Puma-portiere, ecc...). Si capisce il motivo, ma è un peccato.
  7. Agli scriventi, sembra, è stata lasciata libertà di aprire al massimo le valvole della passione. L'effetto è piacevole (penso al pezzo di Pierluigi Pardo sull'Inghilterra).
  8. "La mappa molto affollata dell'Italia ai Mondiali" è una specie di format di gol disegnati del Guerin Sportivo, ma on steroids. L'obiettivo di queste cose, di solito, è stratificare o condensare dei dati o tante storie in un solo disegno. Il risultato è quella roba che ormai è il trademark dei giornali "sì-siamo-smart" di oggi: il paginone grafico de La Lettura del Corriere, più o meno mezzo IL del Sole, ecc... Quando li vedo penso sempre al casino che ci vuole per realizzarli e all'effetto finale che mi fanno: una via di mezzo tra il "roba complessa, questi della rivista X devono essere davvero molto bravi" e un "i Promessi Sposi già mi sembravano una fatica inutile al liceo, ma sotto forma di infografica sono ancora più inavvicinabili".
  9. La citazione dovuta alla rivista 11 Freunde e il bel collage delle sue copertine.
  10. Promossi il regista De Bellis e la sua squadra.
  11. Non ho letto ancora tutto tutto tutto. C'è Sorrentino (e vabbè, pure qui) però, a prima vista, mi sembra, in 11 non c'è traccia di Renzi e di Berlusconi. Ma che davéro??! Nel caso, grandi kudos.

drawing

Se questo post ti è piaciuto, condividilo o commentalo con i tuoi follower. Oppure, se vuoi, seguimi su Twitter.

Butterball Hotline - June 2nd

Links, tl;dr e idee altrui dei giorni scorsi



drawing

NOODLES vs PASTRAMI

A quanto pare siamo nell’Età d’oro del jewish-american deli food, ma io non posso fare a meno di essere tentato da questo libro che trovo citato ovunque: The Untold History of Ramen. PS: quello qui su è David Chang di Momofuku.


drawing

THE WHISTLE & THE BLOWER

Edward Snowden intervistato dalla Nbc.

What is right is not always the same as what is legal.

Glenn Greenwald che si beve una Coca con Luca Sofri.

Ringrazio il cielo che non ci fosse il web quando avevo vent’anni.

PS: quello della foto è il tipo della serie tv Silicon Valley, con il contestato logo della sua startup, Pied Piper. E c’entra poco o nulla con Snowden e Greenwald.


drawing

A BELLA! N’DO’VAI?

Se siete di quelli che fischiano quando passa una bella ragazza, o se siete la bella ragazza, potrebbe interessarvi la Lettera aperta ai miei amici maschi di Estelle Tang, pubblicata dal Guardian:

A few months ago, I avoided telling my boyfriend about these incidents, thinking it would sound like contextless boasting: “Look how many men think I’m hot!” But I’ve started telling him about more and more of these incidents. In fact, I want to start telling him about every single one. Not because I’m delighted to hear about how attractive I am to these men, or because I want people to feel sorry for me. I just want him – and you – to know. That harassment and violence against women is a very real thing, and that it affects its victims daily.


E INFINE…

drawing

Il grande fotografo Paolo Pellegrin (di Magnum) parla di Srebrenica, 20 anni dopo il genocidio, e trovate i suoi scatti in bianco e nero fatti per il New York Times.


drawing La BBC dedica un breve servizio ai 100 anni di Leica, nel quale interviene il fotogiornalista Tom Stoddart. E nel montaggio spunta anche la foto che vedete qui su, scattata nel 1993 da Jeff Mermelstein a New York.